Europa Spagna

La Boqueria, tra i profumi e i sapori della Catalogna

Gli occhi non sanno dove posarsi, tanti sono i colori e i profumi che ti inebriano.

Frutta esotica dai colori sgargianti.. macedonie, spremute e frullati.. verdura e spezie.. carne e pesce.. tapas e sangria.. prodotti provenienti da tutto il mondo, esposti in più di 300 bancarelle, che fanno del più famoso mercato coperto di Spagna una vera esperienza per i sensi.

Donne che fanno la spesa come ogni mattina, turisti che scattano foto senza sosta e che non sanno cosa comprare, mendicanti e borseggiatori che sperano in una buona giornata.. le urla dei mercanti che ti offrono un assaggio, con i loro abiti tradizionali e il loro accento marcato.. uno spicchio di vita racchiuso da una struttura in ferro e vetro, rigida e austera, in netto contrasto con il cuore pulsante della Barcellona che vi batte.

boqueria2

 

Ma cosa significa Boqueria? Me lo sono chiesta solo qualche settimana dopo e, tra le pagine della guida e l’immancabile web, ho scovato un paio di versioni. La più nostalgica racconta che in questo punto sorgeva il portale della città, adornato dai trofei di guerra portati dal Conte di Barcellona dopo la conquista dell’Almeria; un portale talmento bello da lasciare tutti a bocca aperta, cioè “Badoqueria”. L’altra, forse più veritiera, racconta che una volta qui vi erano bancarelle per la vendita della carne di montone, la “carn de boc”.

Non so dirvi quale sia corretta.. so però che, se decidete di andare a Barcellona, questo è un appuntamento da non mancare, proprio lungo la Rambla che da Placa de Catalunya arriva al porto.

Il mio consiglio è di visitare la Boqueria al mattina presto, quando la maggior parte dei turisti sta ancora sospesa nella movida della sera precedente e quando colori e sapori possono essere tutti per voi.

boqueria3

Come non cadere in tentazione? Io ovviamente non ci sono riuscita.. tra le vivaci sculture di frutta e le piramidi di ortaggi.. tra l’odore della friggitrice e il profumo delle spezie.. è impossibile non farsi coinvolgere dalle venditrici con il grembiule merlettato, mentre ti assicurano che la loro merce è la più buona che tu abbia mai assaggiato. E, mentre assapori, le guardi sorridendo pensando che forse è vero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *