Italia Sicilia

Alla scoperta di Agrigento: Valle dei Templi, Scala dei Turchi e Pirandello

realmonte

Ri-eccomi con una nuova puntata del mio tour in Sicilia della scorsa estate, questa volta alla scoperta dell’agrigentino.

Ho scelto come base la piccola cittadina di San Leone, uno spaccato della Sicilia meno turistica e più autentica, meta estiva più dei locali che dei vacanzieri. E’ un’ottima soluzione se cercate una sistemazione tranquilla e diversa dal solito, scordatevi ad esempio la movida serale, che viene sostituita da una tranquilla passeggiata lungomare tra chioschi gastronomici e piccoli ristoranti! Ai chioschi si può cenare con pochi euro a testa con un ottimo panino con le panelle e una bottiglia di spuma. I ristoranti che abbiamo provato hanno i colori del mare e propongono dei piatti di pesce buonissimi, ve ne consiglio giusto un paio: il ristorante Al Porticciolo e la trattoria storica Il Pescatore, proprio sul viale principale di San Leone, il Lungomare Falcone Borsellino.

Veniamo adesso al punto, cosa c’è da vedere se si hanno più giorni a disposizione?

 
La Valle dei Templi

Il parco archeologico della Valle dei Templi è uno dei simboli più conosciuti dell’agrigentino ed è tappa imprescindibile di un qualsiasi tour in Sicilia, tanto da essere dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”.

Ulivi secolari e mandorli fanno da cornice ai resti di templi dorici, santuari e necropoli, splendide testimonianze della civilità greca in Sicilia. E’ emozionante passeggiare nella storia, ammirare l’imponenza di queste costruzioni e il loro sopravvivere ai secoli, fidatevi se vi dico che la Valle dei Tempi non ha nulla da invidiare all’Acropoli di Atene. Per la visita calcolate almeno mezza giornata, perché stiamo parlando di circa 1300 ettari!

Cosa mi è piaciuto di più? Ho letteralmente adorato gli arcosoli bizantini e il Tempio della Concordia, che vedete qui sotto.

arcosoli_valle_templi

valle_templi

Consiglio pratico nr1: ci sono due biglietterie, una in via Panoramica dei Templi (il punto più alto) e una in località Sant’Anna (il punto più basso); noi abbiamo parcheggiato vicino alla prima biglietteria così da visitare la Valle dei Templi in discesa e per ritornare poi al punto di partenza abbiamo sfruttato il comodissimo trenino elettrico (1 euro a persona). Vi assicuro che in pieno agosto questo piccolo accorgimento può fare la differenza!

Consiglio pratico nr2: prima della biglietteria ci sono un paio di bancarelle dove potete comprare la mappa della Valle dei Templi a solo 1 euro, comodissima per gestire la visita in autonomia.

Realmonte: la Scala dei Turchi

Da San Leone in circa venti minuti di macchina si arriva a Realmonte, perfetta per passare una giornata di relax in spiaggia. Ci si può rilassare nella spiaggia libera o nella parte di spiaggia attrezzata, noi ci siamo trovati davvero bene al Lido Majata (il ristorante è ottimo, propone dei piatti di pesce buonissimi).

Dal Lido Majata si arriva alla bianchissima Scala dei Turchi con una piacevole passeggiata di dieci minuti su una sabbia così chiara e soffice da sembrare farina e l’impatto è davvero forte. Si tratta di una falesia naturale a picco sul mare, di roccia bianca sedimentaria, calcarea e argillosa, detta marna; il riflesso del sole e l’azzurro del mare in cui si specchia la Scala danno vita a una vera e propria cartolina. E vogliamo parlare dell’abbronzatura? Ci si può sdraiare sui gradoni, che sono stati dolcemente modellati nel corso del tempo dalla pioggia, dal vento e dalle onde del mare, i raggi del sole vengono riflessi dalla pietra candida e regalano uno splendido colorito ambrato.

scala_turchi_agrigento

Casa di Pirandello

“Io dunque son figlio del Caos; e non allegoricamente, ma in giusta realtà, perché son nato in una nostra campagna, che trovasi presso ad un intricato bosco, denominato, in forma dialettale, Càvusu dagli abitanti di Girgenti”

A Villaseta, frazione di Agrigento, più precisamente nella contrada Caos, è possibile visitare la casa natale di Pirandello. Purtroppo non è molto pubblicizzata e la segnaletica è un po’ scarna, ma con il navigatore non avrete problemi. La visita dura circa una mezz’ora e il biglietto costa 4 euro.

La casa ospita al piano terra mostre temporanee dedicate a Pirandello e al primo piano una raccolta di fotografie, lettere e altri cimeli personali. Con lo stesso biglietto è possibile visitare anche la tomba dello scrittore, che si raggiunge con un breve sentiero che attraversa la campagna attorno alla casa fino al luogo dove un tempo sorgeva il famoso Pino di Pirandello; oggi al suo posto c’è un cippo di pietra che contiene le ceneri di Pirandello, proprio com’era suo volere.

“Sia l’urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra nella campagna di Girgenti dove nacqui”

Pirandello

Se vi va, qui trovate gli altri miei articoli sulla Sicilia:

Dal mare di Taormina ai crateri dell’Etna

La via del sale: Riserva dello Stagnone

San Vito lo Capo: guida e consigli pratici

Grotta Mangiapane, un angolo nascosto di Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *