Calabria Italia

I miei consigli per scoprire la Calabria: dalla Costa degli Dei allo Stretto di Messina

Qualche anno fa ho passato due splendide settimane in Calabria, era la mia prima volta in questa regione e nonostante l’obiettivo fosse quello di trascorrere una vacanza all’insegna dell’ozio e del relax, non ho resistito alla voglia di esplorare il bellissimo tratto di costa della provincia di Vibo Valentia, noto come Costa degli Dei, fino a Reggio Calabria, un susseguirsi di cittadine e baie meravigliose. Se state pensando di fermarvi qui per qualche giorno, ecco alcune delle cose da non perdere assolutamente secondo me.

Ammirare il tramonto a Tropea

Tropea è  una delle località balneari più famose d’Italia, sorge su uno sperone roccioso a strapiombo sul mare ed è perfetta per un aperitivo o una passeggiata serale, tra le strette vie del suo centro storico, dove si respira un’affascinante aria medievale. Impossibile trattenere un sospiro davanti ai riflessi del sole che tramonta sul mare.

tropea1

tropea3

Un tuffo nell’acqua cristallina

A 10km da Tropea, nel comune di Ricadi, merita una sosta il Belvedere di Capo Vaticano, da cui si ha una vista pazzesca su una delle spiagge più belle della zona, Baia delle Grotticelle, formata da tre bianche spiagge contigue e considerata a ragione una delle più belle d’Italia e tra le cento più belle del mondo, proprio per le sue acque cristalline.

baia_grotticelle_calabria

Il castello normanno di Vibo Valentia

Anche in vacanza un po’ di cultura non guasta mai, quindi vi consiglio di visitare il castello normanno-svevo che si trova proprio in centro a Vibo Valentia e che oggi ospita il Museo archeologico statale “Vito Capialbi”. La visita è molto interessante, nelle stanze sono esposti reperti dell’età del Bronzo, vasi greci e statue romane ed è possibile concludere con una passeggiata sulla mura per vedere tutta la zona circostante.

castello_vibo (1)

castello_vibo (2)

Il gelato di Pizzo Calabro

Pizzo Calabro è una piccola cittadina arroccata su una rupe a strapiombo sul mare, dominata da un imponente castello aragonese. E’ anche chiamata “la città del gelato”, per gli eccellenti gelati di produzione artigianale, tra cui merita una menzione particolare il “tartufo”, al gusto di nocciola e cioccolato e ricoperto di cacao, ho l’acquolina solo a ripensarci!

tartufo-di-pizzo

Scilla

Ho letteralmente amato Scilla, la sua anima romantica, dolce, con quel sapore mitologico (vi ricordate il mostro che attaccò Ulisse?) e vagamente retrò che la rende un luogo senza tempo. Un promontorio roccioso (il Promontorio Scillèo) divide le due spiagge principali, quella di Marina Grande e di Chianalea. Chianalea (o Piana delle Galee) è la zona più caratteristica di Scilla, con le casette arroccate le une sulle altre, le piccole viuzze, le barche dei pescatori, tanto che spesso è soprannominata “la piccola Venezia del Sud”. Marina Grande è invece la piu turistica, è romantico passeggiare sul lungomare e fermarsi a mangiare dell’ottimo pesce freschissimo in uno dei tanti ristorantini con le verande dai colori pastello, guardando la spiaggia e l’acqua cristallina a pochi metri.

scilla1

E poi non dimenticate di salire nel centro storico per ammirare il Castello dei Ruffo e affacciarvi dal terrazzamento di Piazza San Rocco, per un’incantevole vista sullo Stretto di Messina e sul profilo della Sicilia.

scilla2

Passeggiare a Reggio Calabria

Cosa mi è piaciuto di più di Reggio Calabria? Senza ombra di dubbio il lunghissimo lungomare Falcomatà, con i suoi eleganti palazzi in stile liberty e con la bellissima Arena dello Stretto, un teatro di recente costruzione che ricorda gli antichi teatri greci e che ha una gradinata semicircolare che si affaccia proprio sullo Stretto di Messina, offrendo una vista spettacolare. Sedersi qui, respirando il profumo del mare e sentendo il vento che accarezza dolcemente la pelle, è pura magia. Non a caso D’Annunzio chiamava questo lungomare “il più bel chilometro d’Italia”!

reggio_calabria1

reggio_calabria2

E inoltre dovete sicuramente andare a vedere i Bronzi di Riace, il simbolo della città. Quando ci sono stata io erano ospitati a Palazzo Campanella (la sede del Consiglio Regionale della Calabria), ma da dicembre 2015 sono stati riportati al Museo nazionale della Magna Grecia.

E per finire.. una “gita” in Sicilia

Dalla Costa degli Dei partono numerose escursioni giornaliere in motonave verso le Isole Eolie, che vi consiglio assolutamente. Io ho scelto quella che partiva dalla spiaggia delle Grotticelle a Capo Vaticano e che ci ha portato a Vulcano, Lipari e Stromboli, ve ne parlerò presto!

2 Comments

  1. Mi hai fatto ritornare una grande nostalgia per la Calabria: dei luoghi che hai nominato, conosco Tropea. Conosco soprattutto la costa ionica della Calabria, quella che va soprattutto da Crotone a Le Castella, ma anche Catanzaro Lido e Soverato. Non sai quanto mi piacerebbe conoscerla meglio: una bellissima regione e sono contenta che qualcuno ne parli! Grazie (lo so, sono di parte, mia madre è calabrese e io ci ho passato tutte le mie estati per 20 anni) 😉

    Katia

    1. E’ davvero una regione bellissima, spesso siamo talmente esterofili che ci dimentichiamo delle meraviglie che abbiamo “in casa” 🙂 Io per ora ho visto solo la costa tirrenica della Calabria, quindi ho un’ottima scusa per tornare! 🙂
      Grazie di essere passata Katia, un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *