Italia Toscana

Weekend in Toscana: Montepulciano, Siena e San Gimignano

Weekend in Toscana: itinerario tra colline, città d’arte, borghi e buon cibo.

La Toscana mi piace da sempre. Da quando ero bambina e ne scoprivo angoli nuovi anno dopo anno grazie ai miei genitori, durante le vacanze estive. Erano settimane non solo di spiaggia e mare, ma anche di frequenti incursioni nell’entroterra per visitare piccoli borghi fuori dal tempo e splendide città d’arte. E, quando ti innamori di qualcosa da piccola, te ne resta sempre un pezzetto nel cuore.

Proprio per questo motivo, per il nostro primo weekend fuori porta, ormai quasi otto anni fa, ho scelto la Toscana. Anche se negli anni successivi siamo tornati più volte, oggi vi voglio parlare proprio di quel nostro primo itinerario, di quei tre giorni tra le colline toscane. Li ho ritrovati tra i miei pensieri in queste settimane e, visto che le cose belle non hanno età e che sul blog non ve ne ho mai parlato, mi sono chiesta “perché no?”

Weekend in Toscana: Montepulciano

Arriviamo a Montepulciano poco prima di pranzo, dopo una serie infinita di “wow” attraversando le colline. Lasciamo la macchina poco fuori da Porta Prato, una delle porte d’ingresso della parte bassa della città, da cui inizia Il Corso, la strada principale che attraversa Montepulciano. Non c’è modo migliore per dar inizio ad un viaggio in Toscana che dalla tavola e, vista l’ora, scegliamo subito un piccolo ristorante. Pochi tavoli, tende graziose alle finestre, un’atmosfera informale e un profumo che dalla cucina riempie la sala. Ordiniamo crostini e salumi misti, pici alle briciole e cantucci con vin santo, che bontà!

weekend in toscana

Con il palato più che soddisfatto, siamo pronti per visitare Montepulciano. Risaliamo lungo Il Corso, curiosando tra le stradine acciotolate laterali e fermandoci spesso ad ammirare le vetrine. Scarpe e borse in pelle e cuoio, prodotti gastronomici e non solo.  Entriamo in un piccolo negozio di oggettistica per la casa a dir poco adorabile. Pupazzi di stoffa fatti a mano, utensili in legno intagliati con cura, una stanza al piano interrato in cui non riesco a capire come possano trovare posto così tante meraviglie. Continuiamo la nostra passeggiata ammirando i palazzi eleganti ai lati della strada, antiche abitazioni nobiliari che conferiscono a Montepulciano l’aspetto di un borgo fiero ed elegante, memoria dei secoli in cui questo era un centro commerciale tra i più importanti della zona, tanto da essere conteso da Siena e Firenze. In pochi minuti arriviamo a Piazza Grande e al Palazzo Comunale, il simbolo più famoso della città, che mi ricorda tantissimo il Palazzo della Signoria di Firenze.

weekend in toscana

Passiamo il resto del pomeriggio a perderci tra i vicoli e ad ammirare da ogni angolazione possibile il panorama sulle colline circostanti, tra vigneti e oliveti. La Toscana è senza dubbio una delle regioni con i paesaggi più dolci. In men che non si dica arriva il tramonto e decidiamo di andarci a rilassare un pochino nella stanza che abbiamo prenotato, in un piccolo agriturismo a conduzione familiare nella frazione di Sant’Albino di Montepulciano. Letto in ferro battutto, arredamento d’epoca, titolari che ti fanno sentire subito a casa.

Per cena torniamo nel centro storico. È una serata fredda e senza luna, le strade sono silenziose, la sensazione è quella di essere arrivati in ritardo ad una festa, quando tutti se ne sono già andati. Scegliamo un ristorante dall’ingresso quasi nascosto in un sottoportico e, non appena varchiamo la soglia, sentiamo un piacevole calore che ci avvolge. Un tavolo proprio accanto al caminetto acceso, la luce delle candele e gli arredi in legno massiccio, capiamo subito che sarà una cena perfetta. Carne alla brace, del buon vino rosso e gli immancabili cantucci.

Weekend in Toscana: Siena

Il secondo giorno ci svegliamo senza fretta e ci godiamo una golosa colazione a base di torte e biscotti fatti in casa. Oggi la nostra meta è Siena, a meno di un’ora di macchina da Montepulciano. Parcheggiamo fuori dal centro e ci dirigiamo subito verso Piazza del Campo, che da un vicolo laterale si apre all’improvviso in tutto il suo splendore. Il Palazzo Pubblico e la Torre del Mangia con i suoi oltre ottanta metri di altezza, palazzi nobiliari, ristoranti e negozi tutto intorno e bancarelle nel mezzo. Se ci siete stati almeno una volta, non avrete problemi a capire come mai Piazza del Campo sia annoverata tra le piazze più belle del mondo.

weekend in toscana

weekend in toscana

La giornata è bellissima, il cielo è terso e un tiepido sole ci scalda, tanto che decidiamo di pranzare all’aperto, proprio accanto alla Torre del Mangia. Nel frattempo la piazza si colora di risate grazie all’esibizione di un gruppo di artisti di strada sui trampoli, uno spettacolo che ci gustiamo dalla nostra posizione privilegiata.

Sazi e felici, siamo pronti per una nuova passeggiata. Pochi passi in un vicolo e vengo subito rapita dalla vetrina di un negozio di candele fatte a mano. Non resisto alla curiosità ed entro. In questo paradiso per gli occhi ci sono due ragazze che, con un’abilità incredibile, modellano la cera nelle forme più belle. Mille sfumature di colore, pezzi rigorosamente incisi e dipinti a mano e quindi uno diverso dall’altro. Dai fiori agli animali, dagli elementi barocchi ai paesaggi toscani. Potevamo non portare via con noi un ricordo? Ovviamente no. Compriamo una candela baroccheggiante dai colori caldi e tre candele a forma di rosa dalle tinte pastello, che ancora oggi fanno bella mostra di sé sulla mensola del salotto. Non le ho mai accese per non rovinarle! 🙂

weekend in toscana

Usciamo dal negozio e ci spostiamo dal centro perché vogliamo andare a visitare il Battistero, una vera opera d’arte. Affreschi splendidi alle pareti, un fonte battesimale in bronzo e marmo proprio al centro, gli esperti sostengono che si tratta di uno dei migliori esempi dell’arte quattrocentesca di Siena. Alle spalle del Battistero si trova il Duomo, secondo me uno degli edifici religiosi più belli d’Italia. Ho questa convinzione dalla prima volta che l’ho visto, durante una gita scolastica. Ricordo che mi interessava relativamente poco ascoltare la guida ma, appena entrata al Duomo, sono rimasta a bocca aperta, ero improvvisamente pronta a conoscere ogni cosa, a scoprire l’origine di ogni dipinto, e anche oggi mi fa questo effetto. Le pareti in bianco e nero, i colori dello stemma di Siena, le storie rappresentate sul pavimento, la volta stellata, la libreria Piccolomini. Per non parlare della grandiosa facciata, in stile romanico-gotico, ricca di dettagli e di sculture. Che vi devo dire, per me è amore!

weekend in toscana

weekend in toscana

weekend in toscana

weekend in toscana

Passiamo forse più di un’ora dentro al Duomo, ogni angolo merita del tempo e noi siamo ben felici di dedicarglielo. Dopo questa visita è tempo di tornare alla macchina, direzione Montepulciano. Una veloce doccia e siamo pronti per un’altra cena in centro. Ci è piaciuto talmente tanto il ristorante di ieri sera che non abbiamo dubbi, ceneremo lì.

Weekend in Toscana: San Gimignano

Per l’ultimo giorno del nostro lungo weekend in Toscana scegliamo San Gimignano, la città delle torri, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Arrivando dalle colline circostanti, sono proprio le torri ad evidenziare già da lontano l’inconfondibile profilo di questo borgo. Delle 72 torri medievali, oggi purtroppo ne restano solo 13, ma il fascino di San Gimignano non ne risente. Parcheggiamo fuori dalle mura e veniamo subito catapultati in un’altra dimensione, sembra quasi di essere tornati al periodo dell’età comunale. San Gimignano è un gioiello fermo nel passato, dai ritmi lenti e dalle tinte tenui e calde.

Visitiamo come prima cosa Piazza del Duomo. Uno dei suoi lati è dominato dalla scalinata che porta alla Basilica Collegiata di Santa Maria Assunta (il Duomo), sugli altri si vedono il palazzo vecchio del Podestà e il palazzo nuovo, con la loggia del Comune. Non mancano ovviamente le torri.

Da qui ci spostiamo in Piazza della Cisterna, che prende il nome dal pozzo ottagonale che si trova nel centro. Questa è senza dubbio la piazza più bella di San Gimignano, completamente pavimentata in cotto e circondata da case e torri medievali. Si trova proprio all’incrocio tra l’antica via Francigena e quella che collegava Pisa e Siena, come dire, nel cuore della storia.

weekend in toscana

weekend in toscana

Come abbiamo fatto a Montepulciano, ci prendiamo del tempo per curiosare nelle botteghe artigiane, che qui sembrano più che mai rievocare gli antichi mestieri. Nell’aria si sente distintamente l’odore del cuoio e ci sono tantissimi accessori tra cui poter scegliere. Io opto per un portachiavi a forma di cuore, dalle cuciture ben visibili, una piccola dimostrazione di vero made in Italy. Il tempo scorre veloce e ci fermiamo a pranzare in un’osteria senza troppe pretese, dal personale un po’ burbero ma dai piatti decisamente buoni, a partire dal gigantesco antipasto di salumi.

Prima di ripartire da San Gimignano facciamo un’ultima passeggiata lungo le mura che circondano il centro storico. Da qui ammiriamo alcuni torrioni risalenti al quindicesimo e sedicesimo secolo e soprattutto un panorama magnifico sulla Valdelsa. La giornata è talmente limpida che le colline sfumano all’orizzonte.

weekend in toscana

 

È giunta purtroppo l’ora di tornare a casa. Per il primo viaggio insieme non potevamo chiedere di meglio, la nostra Italia è una fonte inesauribile di scoperte e la Toscana una delle sue più belle figlie.

9 Comments

  1. Cioè, della serie: telepatia portami via 😀 Direi che hai riassunto molto bene lo spirito del luogo. Sottolineo, però, che Montepulciano è la più bella (dopo Siena, ovviamente). E qui sto facendo la mia faccia da angioletto…

    Comunque, la prossima volta ci mettiamo d’accordo! Facciamo le amiche in viaggio?

    1. Ahahhaaha, posso immaginara la faccia da angioletto! Montepulciano è bellissima, ha quell’anima un po’ romantica che ti rapisce e poi è il primo ricordo di questo viaggio. <3 La prossima volta ci mettiamo assolutamente d'accordo e ci vediamo!

  2. Che bella Montepulciano. Manco da tempo e mi ha fatto venir proprio voglia di tornare. Ora, poi, con i mercatini natalizi l’atmosfera sarà ancora più speciale 🙂

    1. Anch’io ho molta voglia di tornare, manco da diversi anni. Penso che l’atmosfera natalizia la renda ancora più bella! E poi, quanto si mangia bene? 🙂

  3. Mi hai come trasportata in un mondo parallelo, incantato ma assolutamente reale. Sarà che conosco bene queste località, le ho amate e visitate più di una volta, ma ti giuro Silvia ho avuto l’impressione di essere lì!
    Scelta più che azzeccata per il primo viaggetto da fare insieme, infatti, dopo diversi anni, tu ancora ricordi particolari, visite, profumi, sapori, colori…secondo me, questo è sintomo di una scelta corretta 🙂
    Non ci si può mai stancare della Toscana, è così bella, persino verace per certi versi, che ti fa sentire a casa ogni volta che torni eppure, allo stesso tempo, ti stupisce come se mai l’avessi vista prima!
    Ti abbraccio, buon fine settimana,
    Claudia B.

    1. Mi sono stupita anch’io quando in un attimo mi è tornato alla mente ogni dettaglio, ogni profumo, ogni sapore, ogni sensazione. È stato come se non me ne fossi mai andata veramente, forse perché era il primo piccolo viaggio insieme, forse perché la Toscana rende tutto un po’ speciale. Finora la Toscana non mi ha mai delusa e ogni volta mi riprometto di tornarci senza far passare troppo tempo. Grazie di essere passata Cla, un bacio grande!

    1. Montepulciano è davvero bella, ma in generale tutti i borghi toscani sono meravigliosi! Forse per questo mi piace così tanto tornare! ;.)

  4. Mi fa sempre un po’ strano quando leggo di casa mia descritta da altri.
    Per me Montepulciano ha sempre rappresentato un borgo sì bello, ma tremendamente scomodo. Quanto c’è da camminare per arrivare in comune? Perchè non si trova un parcheggio libero a pagarlo oro? Per non parlare della scuola… insomma, un’accezione non proprio positiva.
    Finchè non ho cominciato a cercare di vederla dall’esterno, con gli occhi di chi la vede per la prima volta. E questo grazie agli amici di Pavel che venivano a trovarci per la prima volta, e che quasi automaticamente volevano visitarla. Beh, ammetto che il rapporto è decisamente migliorato!
    E ribadisco: la prossima volta che sei in zona, fai un fischio 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *