Europa Inghilterra

Londra classica: 5 itinerari a piedi

Cinque itinerari a piedi per scoprire le attrazioni più famose di Londra, perfetti se si tratta della vostra prima volta nella capitale inglese.

Di Londra vi ho già parlato un po’ qui sul blog, vi ho raccontato quelle che secondo me sono le 30 cose da non perdere, e oggi vi propongo 5 itinerari a piedi perfetti per scoprirla poco per volta. Ho cercato di creare itinerari da mezza o una giornata, in modo tale che possiate incastrarli come più vi piace.

 

Itinerario 1: Houses of Parliament e Big Ben – Westminster Abbey – St James’ Park – Buckingham Palace – Hyde Park

Questo è il primo itinerario di qualsiasi viaggio a Londra, in particolare se si tratta della vostra prima volta, perché è quello che porta nel cuore della città, a Westminster. Prendete la metropolitana fino alla fermata di Westminster e, appena fuori, gettate subito uno sguardo dietro di voi per vedere la ruota panoramica del London Eye. Dal lato opposto ecco invece il simbolo di Londra: il Big Ben. Camminate lungo Westminster Bridge per una visuale perfetta sulle Houses of Parliament e sul Big Ben e poi dirigetevi verso Westminster Abbey, la cattedrale che nei secoli ha ospitato incoronazioni e matrimoni reali e che custodisce le spoglie non solo dei sovrani inglesi, ma anche di personalità di spicco del mondo della scienza e dell’arte, da Newton a Darwin, da Dickens a Kipling a moltissimi altri.

Fate ora una bella passeggiata attraverso St James’ Park, uno dei miei parchi preferiti, cercando di avvicinare gli scoiattoli che qui sono molto numerosi e anche piuttosto socievoli! Uscendo poi dal parco vi troverete di fronte a Buckingham Palace, il palazzo reale in cui vive la regina e in cui al mattino è possibile assistere alla cerimonia del cambio della guardia. Concludete infine questo itinerario con un po’ di relax ad Hyde Park, il parco più grande di Londra.

Itinerario 2: Trafalgar Square – National Gallery – Covent Garden – British Museum – Soho – Piccadilly Circus

itinerari londra classica

Prendete la metropolitana fino a Charing Cross e all’uscita guardatevi intorno perché ci sono ancora alcune delle mitiche cabine telefoniche rosse che purtroppo stanno per essere smantellate in tutta la città. Con un passeggiata di un paio di minuti arriverete a Trafalgar Square, dove campeggia la colonna dedicata all’ammiraglio Nelson. Sul lato nord della piazza non perdetevi una visita alla National Gallery (ricordatevi che a Londra tutti i musei sono gratuiti), che vanta una collezione di dipinti di tutto rispetto, a partire dalla “Vergine delle rocce” di Leonardi da Vinci.

Spostatevi poi a Covent Garden, uno dei quartieri più vivaci e più belli di Londra. Fermatevi in uno dei tanti locali caratteristici e fate un giro al famoso mercato coperto di Covent Market. Negozi e bancarelle disposti su più piani, in cui comprare prodotti artigianali, pezzi d’antiquariato, capi d’abbigliamento, cioccolata, thè e molto altro, mentre in sottofondo risuona la chitarra di qualche artista di strada.

Dopo esservi rilassati con lo shopping sarete pronti per il secondo museo di questo itinerario: il British Museum, che raccoglie circa 8 milioni di oggetti che raccontano la storia del mondo, dalla Stele di Rosetta allo stendardo di Ur. Considerate non meno di un paio d’ore per una veloce visita perché merita davvero.

A questo punto sarà quasi sera e quindi potrete pensare di concludere la giornata tra Soho, il quartiere punk e trasgressivo di Londra, e Piccadilly Circus, il famoso incrocio tra Regent Street e Piccadilly che è uno dei simboli della città, con i suoi display luminosi e le insegne a neon. Qui si trovano locali, negozi e teatri, che rendono la zona un must della vita notturna.

Itinerario 3: Kensington Gardens – Royal Albert Hall – Science Museum – Natural History Museum – V&A Museum – Harrods

Iniziate questo itinerario con una passeggiata nei giardini di Kensington. Arrivate fino all’Albert Memorial, da cui avrete una vista perfetta della Royal Albert Hall, la sala da concerti voluta dal principe Alberto.

Seguite poi Exhibition Road, da cui si può accedere a tre splendidi musei che vi consiglio di non perdere. Il primo è il Museo della Scienza, in cui si trovano motori a vapore, aeroplani e anche il modulo di comando dell’Apollo 10 e in cui ci sono diverse zone interattive davvero ben strutturate. Il secondo è il Museo di Storia Naturale, dove già nella hall è esposto lo scheletro fossile di un dinosauro e dove si trova anche lo scheletro di una balenottera azzurra. Infine il Museo di Victoria e Albert, uno dei più importanti e completi al mondo, in cui si spazia dalla scultura alla pittura all’architettura, dalla gioielleria al design a tutte le arti minori, per un totale di oltre 4.5 milioni di oggetti esposti.

Per concludere rilassatevi nel regno dello shopping per eccellenza, i grandi magazzini di Harrods, in cui si può trovare praticamente di tutto, anche se non sempre alla portata delle tasche di noi comuni mortali. Non è raro infatti vedere sceicchi e sultani fare acquisti da mille e una notte. Imperdibile una sosta alla Food Hall, un vero e proprio paradiso gastronomico, io ogni volta non resisto alla voglia di fare incetta di the di ogni tipo!

Itinerario 4: Portobello Road – Notting Hill

Il sabato mattina a Londra significa Portobello Market, per curiosare tra negozi e bancarelle vintage. Iniziate dalla fermata della metropolitana di Notting Hill Gate e proseguite lungo tutta Portobello Road. Adoro calcare questi marciapiedi, rovistare tra vestitini e improbabili oggetti d’antiquariato, vedere come i londinesi e i turisti si fondono in un’unica via, che digrada lentamente verso i colori pastello di Notting Hill. Abbigliamento di seconda mano o di stilisti emergenti, mobili antichi, un negozio in cui mi perdo sempre con il naso all’insù ad ammirare le centinaia di Singer esposte, ripensando che la macchina da cucire di mia nonna era proprio uguale. I pub della zona non tradiscono lo stile, colori scuri e banconi in legno massiccio, mentre una buona birra bevuta sullo sgabello è la compagna perfetta mentre riguardare fieri gli acquisti fatti.

Come vi ho anticipato, Portobello Road prosegue poi naturalmente su Notting Hill, uno dei quartieri più chic di Londra, tra casette pastello super “instagrammabili”. Se avete visto il film con Julia Roberts e Hugh Grant sappiate che la famosa libreria si trovava proprio qui, al 142 di Portobello Road, e si ispirava al negozio The Travel Bookshop, ancora aperto.

Itinerario 5: Tower of London – Tower Bridge

itinerari londra classica

Eccoci al quinto e ultimo itinerario, con cui vi porto a scoprire altri due grandi classici. Prendete la metropolitana fino a Tower Hill e non appena fuori vedrete stagliarsi di fronte a voi la Tower of London, il forte più bello di tutta l’Inghilterra. A dispetto del nome, infatti, non si tratta di una torre, ma di un’intera fortezza medievale. Il nome probabilmente deriva dall’edificio più famoso che si trova al suo interno, la White Tower, che custodisce una bellissima collezione delle armature dei vari re d’Inghilterra, una riproduzione delle scuderie reali e la cappella di San Giovanni Evangelista. Altra tappa irrinunciabile è la visita dei gioielli della corona, una collezione che vanta alcune delle corone e dei diamanti più belli del mondo. Durante la visita prestate anche attenzione agli Yeoman Warders, i rappresentati del corpo scelto delle guardie reali che presidiano la torre dal diciannovesimo secolo e che oggi fanno anche da guide turistiche. Infine non dimenticate i corvi che vengono allevati e vivono all’interno della cinta muraria: una leggenda dice che, quando l’ultimo corvo lascerà dalla torre, la dinastia reale sparirà.

Dopo questa visita prendetevi del tempo per ammirare il Tower Bridge, il famosissimo ponte levatoio di Londra con le due torri neogotiche alle estremità. Potrete decidere di osservarlo dalla riva, di attraversarlo o anche di visitarne l’interno, seguendo il percorso “TowerBridge Exhibition”.

Itinerari fuori dal centro di Londra

Se dopo aver completato questi itinerari avete voglia di scoprire anche qualche zona un po’ fuori dal centro, ecco alcuni consigli.

  • Southwark – una passeggiata lungo la riva sud del Tamigi, tra il Borough Market e il teatro di Shakespeare. Ve ne ho parlato in questo articolo.

  • Camden Town – il mercato più rock di Londra, sulle rive del Regent’s Canal.

  • Greenwich – dedicate mezza giornata a questo colorato quartiere e salite all’osservatorio astronomico dove passa il primo meridiano. Ve ne ho parlato in questo articolo.

itinerari londra

itinerari londra

itinerari londra

itinerari londra

itinerari londra

itinerari londra

itinerari londra

 

6 Comments

  1. Prendo spunto dal tuo post perché questo weekend sarò a Londra. Ci sono stata già tantissime volte ma questa volta ci sarà con noi un amico che non ci è mai stato, e quando mi capita sono sempre in difficoltà perché non so mai da dove partire! Sabato inizierò sicuramente dal primo itinerario 🙂

    1. Ciao Silvia! Spero che il tuo weekend londinese sia andato alla grande e che il tuo amico abbia avuto modo di innamorarsi della città! Anche a me è capitato di tornare con chi non c’era mai stato e sono partita proprio dal primo itinerario!
      Un bacione

  2. Siamo innamorati di Londra e gli itinerari che hai proposto sono assolutamente il top, da non perdere soprattutto per chi si approccia alla città per la prima volta!
    Personalmente l’itinerario n.2 è quello che adoro più degli altri, perchè sono super fan di Covent Garden e Soho e della loro atmosfera fantastica in qualunque orario del giorno e della sera!

    1. Sono felice che questi itinerari vi piacciano, ho cercato di mettere tutto ciò che secondo me è imperdibile in una prima visita! Covent Garden è anche uno dei miei posto preferiti, tappa obbligata ogni volta che torno a Londra tra the e cioccolata perdo sempre la testa!!
      Un abbraccio ragazzi

  3. Come si fa a non amare Londra? Ci tornerei all’infinito!
    Questi itinerari mi saranno utilissimi l’anno prossimo quando andrò a Londra con alcuni amici che non ci sono mai stati e i percorsi a piedi per non perdere nulla di questa fantastica città sono super! <3

    1. Anch’io tornerei a Londra all’infinito, non mi stanca mai! Mi fa piacere che ti piacciano questi itinerari, sono un mix tra la mia prima volta a Londra e il viaggio in cui ho fatto da cicerone ai miei genitori che non ci erano mai stati 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *