Europa Francia

Organizzare un viaggio a Parigi: informazioni utili per visitare la capitale francese

Come arrivare, come spostarsi, dove alloggiare e tante altre informazioni per organizzare un viaggio a Parigi.

 

COME ARRIVARE A PARIGI

Arrivare a Parigi in aereo – Il modo più semplice per raggiungere Parigi è l’aereo, grazie alle molte compagnie, anche low cost, che collegano gli aeroporti italiani alla capitale francese. Da Alitalia a AirFrance, da Ryanair a Easyjet, prenotando con un po’ di anticipo riuscirete a scovare tariffe decisamente buone, di poche decine di euro A/R. Parigi dispone di due aeroporti principali: Roissy-Charles-de-Gaulle (CDG) e Orly (ORY), a cui si aggiunge l’aeroporto di Beauvais Tillé (BVA) a poco più di 80 km dal centro città.

Arrivare a Parigi in treno – Se partite dal Nord Italia, un’altra possibilità da tenere assolutamente in considerazione è quella del treno. Ci sono infatti sia collegamenti diurni con treni ad alta velocità gestiti da SNCF che collegamenti notturni con Thello di Trenitalia, che arrivano direttamente alla stazione centrale di Gare de Lyon. Sono varie le città italiane collegate a Parigi con treni diretti, ad esempio Milano, Torino e Venezia.

Come arrivare in centro città – Se avete intenzione di arrivare a Parigi in treno vi ritroverete direttamente in centro, perché la Gare de Lyon è a pochi passi da Place de la Bastille. Nel caso del volo aereo avrete invece varie possibilità per spostarvi in centro. Ve ne elenco alcune:

  • Metropolitana/autobus/navetta – Gli aeroporti di Parigi sono ben collegati al centro da navette-autobus piuttosto frequenti. Ad esempio l’aeroporto Roissy-Charles-de-Gaulle, da cui si può prendere direttamente la RER B per arrivare in centro, è anche collegato al quartiere Opera dal Roissybus. L’aeroporto di Orly è collegato a piazza Denfert-Rochereau a Montparnasse dall’Orlybus e alla stazione RER Antony dalla metropolitana leggera Orlyval e infine l’aeroporto di Beauvais è collegato a Porte Maillot da un comodo shuttle.

  • Taxi – La soluzione più classica per arrivare in centro è prendere un taxi, ma vi conviene solo se atterrate a Roissy Charles-de-Gaulle o a Orly, viste le distanze. Le tariffe sono fisse e variano rspettivamente dai 50 ai 55 euro e dai 30 ai 35 euro.

  • Trasferimento privato – È un servizio molto comodo di prenotazione auto con conducente, come ad esempio quello dei trasferimenti aeroportuali Taxileader. È sufficiente prenotare l’autista prima ancora di partire da casa per trovarlo pronto ad accogliervi in aeroporto.

 

COME MUOVERSI A PARIGI

Ormai sapete che amo scoprire le città a piedi, perdendomi tra le vie e curiosando negli angoli meno turistici senza alcuna fretta. Nel caso però di città molto grandi, come la capitale francese, è necessario sfruttare anche i trasporti pubblici per poter raggiungere ogni zona in tempi ragionevoli. A Parigi la scelta non manca: metropolitana, RER e autobus collegano in maniera capillare tutta la città. E se pensate di utilizzarli abbastanza spesso, vi consiglio di comprare il Paris Visite, che dà accesso illimitato a tutti i trasporti per 1, 2, 3 o 5 giorni consecutivi. Potete scegliere tra la carta che copre le zone dalla 1 alle 3 e quella che copre le zona dalla 1 alla 5; in quest’ultimo caso sono inclusi anche gli spostamenti da/verso gli aeroporti di Roissy-Charles-De-Gaulle e Orly, Versailles e Disneyland.

 

COME ORGANIZZARE LE VISITE

Parigi per me è una delle città più belle del mondo e la cosa migliore è decidere in anticipo cosa vedere, per organizzare al meglio le giornate e non perdere tempo inutilmente. Se si tratta della vostra prima volta a Parigi, vi consiglio di dare un’occhiata a questo articolo in cui vi suggerisco cosa non perdere: 10 cose da fare e da vedere assolutamente nella città dell’amore.

In base alle vostre preferenze e a ciò che intendete visitare, valutate anche se acquistare il Paris Pass, che permette di accedere gratuitamente a molte delle attrazioni più famose della città, dalla cattedrale di Notre Dame al Louvre, e che comprende anche il Paris Visite. Trovate tutte le informazioni sul sito ufficiale.

organizzare un viaggio a Parigi

 

DOVE ALLOGGIARE A PARIGI

Per organizzare un viaggio a Parigi che sia davvero memorabile, la scelta dell’alloggio è importantissima. Immaginate una via dall’aria bohémienne, una finestra da cui ammirare la Senna al mattino presto, un romantico bistrot in cui scendere per colazione. Tutti dettagli che contribuiranno a rendere il vostro soggiorno davvero unico. Cercate un quartiere trendy o siete viaggiatori dall’anima romantica? Amate lo shopping o i parchi e le piazzette delle zone residenziali? A Parigi c’è solo l’imbarazzo della scelta e, nonostante i prezzi possano a volte scoraggiare, con un po’ di fortuna e muovendovi per tempo potrete riuscire a trovare qualche buona offerta nel quartiere dei vostri sogni.

Vi spiego ora brevemente com’è organizzata la città, in modo che possiate orientarvi. Parigi è formata da 20 distretti, chiamati arrondissement, disposti a spirale intorno alla Senna. Quelli dal 1° all’11° sono i più centrali e sono quindi un’ottima scelta se volete avere le principali attrazioni a portata di mano. Tanto per farvi degli esempi il 1° arrondissement ospita il Louvre, il 4° la Cattedrale di Notre-Dame, il 5° il Quartiere Latino e il 7° la Tour Eiffel. È possibile trovare soluzioni abbastanza economiche nel quartiere Opéra, che si estende nel 2°, 8°, 9° e 10° arrondissement, perfetto se siete amanti dello shopping, e nel quartiere Le Marais, forse uno dei più belli di Parigi, a cavallo tra il 3° e il 4° arrondissement, tra negozietti, pasticcerie e la romantica Place des Vosges. Altre zone interessanti sono il Quartiere Latino tra il 5° e il 6° arrondissement e Montmartre nel 18°, un po’ decentrato ma assolutamente caratteristico e pittoresco.

 

Spero che questi suggerimenti vi possano essere utili per organizzare il vostro viaggio a Parigi e, se ne avete altri, lasciatemi un commento!

 

Articolo in collaborazione con Taxileader.

One comment

  1. Ah Paris (con quell’espressione malinconica di chi da tanto tempo non cammina tra le sue vie…)!
    Città meravigliosa, con tantissime cose da fare, eventi, mercati e mercatini…dei musei non ne parliamo, durante la nostra prima vacanza a Parigi ne abbiamo visitati troppi, abbiamo fatto indigestione! 🙂
    Hai ragione alla grande sul fatto che l’alloggio sia una componente fondamentale, a Parigi più che in altre città: dormire a due passi dalla Sorbona, nel Quartiere Latino, ci è piaciuto tantissimo! La prossima volta cercheremo lungo la Senna, magari nel Marais, che ci ha rapito il cuore.
    Silvia, hai aperto il cassetto dei ricordi e ci hai fatto venire una gran voglia di tornare nella Ville Lumiere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *