consigli di viaggio

GoOpti: il transfer low-cost per l’aeroporto

Perché scegliere GoOpti, il comodissimo servizio di transfer low-cost per l’aeroporto. Di cosa si tratta, come si prenota e i motivi per cui conviene.

Quando abbiamo iniziato ad organizzare il nostro recente viaggio in New England, ci siamo subito trovati d’accordo sul fatto che la priorità fosse studiare un viaggio a misura di neonato, non tanto in termini di itinerario quanto di servizi e facilities che potessero mettere Nico a suo agio e allo stesso tempo aiutassero noi a rilassarci.

Proprio per questo motivo, per il trasferimento da casa all’aeroporto e viceversa abbiamo scelto di affidarci a GoOpti, un’azienda che da anni offre transfer privati e condivisi non solo in Italia, ma anche in vari altri stati europei (Austria, Germania, Ungheria, Croazia e Slovenia solo per citarne alcuni). In questo modo non abbiamo dovuto preoccuparci del parcheggio, abbiamo ottimizzato i tempi, ci siamo dedicati a Nico durante il tragitto e, cosa assolutamente non trascurabile, abbiamo risparmiato più della metà rispetto alle tariffe del parcheggio aeroportuale.

 

Come prenotare un transfer con GoOpti

Prenotare un transfer per l’aeroporto con GoOpti è semplicissimo. Come prima cosa collegatevi al sito ufficiale e inserite l’indirizzo di partenza e quello di destinazione, il numero di persone che usufruiranno del transfer (specificando se si tratta di adulti o bambini/neonati), il giorno e l’ora del volo sia per l’andata che per l’eventuale ritorno.

A questo punto, dopo aver cliccato sul tasto “cerca”, vi verrà mostrato il costo per persona e totale sia nel caso di transfer condiviso che privato. Sarete quindi liberi di scegliere la soluzione che preferite, anche differenziando tra andata e ritorno. Dovrete ora inserire il numero del vostro volo, scegliendo tra quelli suggeriti, e indicare quante valigie porterete con voi. Per il calcolo preciso del costo finale e per avere a disposizione il mezzo più adatto è necessario infatti compilare quest’informazione preventivamente. Nel nostro caso, infine, abbiamo anche comunicato la necessità di avere a bordo un seggiolino auto per Nico.

Dopo il pagamento riceverete via mail la conferma della prenotazione con il riepilogo di tutti i dati e i contatti a cui fare riferimento. Il giorno prima del transfer vi arriverà anche un messaggio sul cellulare come promemoria dell’orario di prelevamento concordato e contenente il recapito personale dell’autista che vi è stato assegnato. 

La nostra esperienza con GoOpti

Per noi GoOpti è stata una scelta vincente, che sicuramente rifaremo, perché ci ha permesso di gestire il tragitto da casa all’aeroporto (e ritorno) in tutta serenità. L’autista è stato puntualissimo e gentilissimo, il seggiolino a bordo era perfetto per il peso di Nico e il van era davvero pulito, fondamentale per me che sono particolarmente attenta a questi aspetti. Visto il numero di valigie non proprio trascurabile (ehmm..) abbiamo scelto un transfer privato e questo ci ha dato anche massima libertà nella scelta degli orari. Inoltre, per la gioia di mio marito, per una volta non abbiamo dovuto perdere un sacco di tempo per incastrare tutti i bagagli in auto, perché ha pensato ad ogni cosa il nostro autista.

transfer low-cost per l'aeroporto
il nostro van privato all’aeroporto di Venezia
transfer low-cost per l'aeroporto
il seggiolino a bordo

Qualcuno, dopo un mio post su Twitter, mi ha chiesto come mai non avessimo optato per un taxi, che teoricamente garantisce lo stesso livello di comodità. I motivi sono due: il primo, e sicuramente il più importante, è che sui taxi il seggiolino auto non è obbligatorio neppure in caso di trasporto di un bambino (capite benissimo che non avrei mai viaggiato mettendo a rischio la sicurezza di Nico), il secondo è che un taxi ci sarebbe costato molto di più considerati i due tragitti di andata e ritorno. GoOpti per noi è stata la scelta low-cost ottimale per il trasferimento da casa all’aeroporto e viceversa.

L’ultima cosa che vi voglio dire è che con GoOpti è possibile anche assicurare il trasferimento. Con un piccolo sovrapprezzo potrete infatti mettervi al riparo da spiacevoli imprevisti. Se ad esempio la compagnia aerea dovesse cambiare l’orario di partenza del volo vi verrà prenotato gratuitamente un nuovo transfer, se l’aereo dovesse atterrare in ritardo troverete comunque il vostro transfer ad aspettarvi, e molto altro. 

Se siete quindi alla ricerca di un transfer low-cost per l’aeroporto vi consiglio di affidarvi senza timore a GoOpti. Sapete che vi parlo solo di servizi che ho avuto modo di provare e in questo caso sono stata assolutamente soddisfatta del nostro transfer, anche per le piccole accortezze dell’autista nei confronti di Nico: aria condizionata al minimo e orientamento in modo tale che non gli arrivasse direttamente addosso, seggiolino fissato a regola d’arte e comodissimo, lo scaricare come prima cosa il passeggino per consentirci di metterlo subito comodo all’arrivo in aeroporto. Semplici cose ma che fanno la differenza.

 

Articolo in collaborazione con GoOpti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *