America New York

Freedom Tower a New York: visita all’osservatorio panoramico One World Observatory

Visita al One World Observatory, l’osservatorio panoramico del One World Trade Center. Come arrivare, biglietti e orari di apertura e cosa aspettarsi dalla salita alla Freedom Tower.

Una delle esperienze più belle che abbiamo fatto a New York è senza ombra di dubbio la visita al One World Observatory, l’osservatorio panoramico del One World Trade Center, noto anche come Freedom Tower. Un luogo che evoca suggestioni ancor prima di vederlo, non fosse altro perché sorge nel luogo dove un tempo si trovavano le torri gemelle. La Freedom Tower rappresenta infatti la forza e la volontà di rialzarsi del popolo americano dopo i terribili attentati dell’11 Settembre. È un simbolo di rinascita sia nel suo intento che nella sua realizzazione architettonica: un grattacielo a forma piramidale che è il più alto dell’emisfero occidentale con i suoi 1776 piedi, numero non casuale dato che ricorda l’anno della Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America.

La prima volta che siamo stati a New York, nella primavera del 2013, la Freedom Tower era praticamente ultimata ma non era ancora stata inaugurata e ricordo benissimo che ciò che mi aveva colpito di più era stata la sua lucentezza, il suo brillare come un faro a Lower Manhattan, quasi a voler illuminare le due vasche costruite proprio lì sotto a memoria di chi aveva perso la vita negli attentati. Quando quest’anno siamo tornati a New York, era già chiaro ad entrambi che saremmo saliti all’osservatorio panoramico della Freedom Tower, per toccare con mano quell’emozione che negli anni non ci aveva mai abbandonato.

freedom tower visita one world observatory

La visita al One World Observatory ha superato di gran lunga le nostre aspettative, un’attrazione a tratti futuristica che permette di dominare Manhattan dall’alto e che incarna perfettamente l’idea di rinascita dalle proprie ceneri. Ecco perché mi sento di dirvi che l’osservatorio della Freedom Tower è una delle attrazioni da visitare assolutamente a New York.

 

Freedom Tower: dove si trova e come arrivare

Come vi ho anticipato, la Freedom Tower si trova nel cuore di Lower Manhattan, proprio dove un tempo sorgevano le torri gemelle, vicinissima al 9/11 Memorial e al 9/11 Museum. Impossibile non notarla grazie alle sue pareti a finestre riflettenti, che nelle giornate soleggiate la fanno diventare un tutt’uno con il cielo.

freedom tower visita one world observatory

L’indirizzo preciso è 285 Fulton Street, all’angolo tra West Street e Vesey Street e l’ingresso principale di trova proprio su West Street.

Il modo più semplice per arrivare è la metropolitana, queste sono le fermate più vicine:

  • World Trade Center (linea E)

  • Cortland Street (linee N, R e W)

  • Park Place (linee 2 e 3)

 

One World Observatory: orari e biglietti

L’osservatorio panoramico della Freedom Tower è aperto tutti i giorni dell’anno, solitamente dalle 8 o dalle 9  fino alle 21 o alle 22. Per sicurezza controllate sempre gli orari aggiornati sul sito ufficiale, perché ci possono essere alcune variazioni legate ad esempio alle festività.

Il biglietto non è tra i più economici, quello base costa ben 35$, per non parlare delle opzioni con guida, ma ne vale assolutamente la pena. Considerato inoltre che si tratta di una delle attrazioni più famose di New York, il modo migliore per organizzare la visita è quello di acquistare il biglietto in anticipo scegliendo anche l’opzione salta-fila per non perdere tempo inutilmente. Noi, come facciamo sempre più spesso, ci siamo affidati a Musement e siamo entrati senza aspettare neppure un minuto: abbiamo presentato i nostri biglietti (in formato elettronico sul cellulare) e gli addetti all’accoglienza ci hanno subito fatto salire.

 

Visita al One World Observatory: l’osservatorio panoramico della Freedom Tower

La visita al One World Observatory è molto più di un’esperienza, è una delle emozioni più forti che ho vissuto a New York, non solo per il panorama ma per i brividi che mi ha fatto provare dall’inizio alla fine. La vista è incredibile ma a rendere imperdibile la salita sulla Freedom Tower è ogni singola fase della visita, in un crescendo continuo di effetti speciali e stupore.

Si inizia entrando in uno dei cinque avveniristici ascensori Sky Pod, a forma di capsula, che portano fino al 102-esimo piano in meno di un minuto alla folle velocità di 36km/h. Durante la salita sulle pareti dell’ascensore vengono proiettate immagini e video che mostrano a velocità accelerata come è cambiato lo skyline di New York dal 1500 ad oggi, passando dall’essere una zona rurale e forestale alla grandiosa metropoli dei giorni nostri.

freedom tower visita one world observatory

Usciti dagli ascensori si viene fatti accomodare davanti al gigantesco maxi-schermo del See Forever Theater, che occupa tutta la parete, dove viene proiettato un nuovo video che mostra, in un crescendo di suoni e vibrazioni, la frenesia e il movimento che permeano ogni angolo di New York. Ed è qui che siamo letteralmente rimasti a bocca aperta. Alla fine del video, prima che ce ne rendessimo conto, lo schermo è stato tolto e ci siamo trovati davanti agli occhi una larghissima vetrata affacciata su Downtown in tutta la sua perfetta bellezza. Una delle sensazioni più forti in assoluto di tutto il viaggio a New York, un colpo d’occhio incredibile.

freedom tower visita one world observatory

La vista panoramica che si ha dal One World Observatory è unica. La forma circolare dell’osservatorio consente una vista a 360° su New York e la sua posizione nel cuore di Downtown permette di spaziare dalla Statua della Libertà all’Empire State Building al ponte di Brooklyn. Noi abbiamo avuto la fortuna di scegliere quella che poi si è rivelata una bellissima giornata di sole e abbiamo quindi potuto godere di una vista mozzafiato sotto un cielo azzurrissimo. L’Hudson e lo skyline del New Jersy da un lato, i ponti sull’East River e il profilo di Brooklyn dall’altro. Sotto ai nostri piedi le strade di Manhattan e i tetti di palazzi e grattacieli, tutto perfettamente visibile attraverso le ampie vetrate. Come se non bastasse al centro della sala c’è un disco circolare di 4 metri di diametro, il cosiddetto Sky Portal, sopra cui si può salire per vedere la città e il traffico sottostante.

L’unica cosa che forse non si riesce ad apprezzare come merita è Central Park, nascosto dai molti grattacieli, ma da sempre il mio posto preferito per ammirare il polmone verde di New York è il Top of the Rock, di cui vi ho già parlato in questo articolo.

freedom tower visita one world observatory

freedom tower visita one world observatory

freedom tower visita one world observatory

freedom tower visita one world observatory

Se la prima volta che siamo stati a New York lo scettro di miglior punto panoramico poteva essere conteso solo dal Top of the Rock e dall’Empire State Building, adesso non ho dubbi nel dirvi che se state organizzando un viaggio nella Grande Mela non dovete assolutamente perdervi l’osservatorio della Freedom Tower. La soluzione ideale potrebbe essere quella di abbinare la visita del Top of the Rock o dell’Empire State Building a quella del One World Observatory, perché nessun altra piattaforma panoramica vi consentirà una vista del genere su Downtown.

 

Articolo in collaborazione con Musement

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *